mercoledì 4 giugno 2008

Recupero ottimizzato dei materiali della discarica emozionale.

Capita, quando si è fortunati, di incappare in qualcosa di più che il normale flusso dei materiali emozionali. Ci si ritrova di colpo ad esserne parte, non potendo più scindere ciò che ci fa bene da quello che incontrollabilmente ci fa male, senza volerlo in un'incomprensibile relazione di causa-effetto. A questo punto bisogna saper raffinare la materia a disposizione e riqualificare il flusso per trasformarlo in carburante per la vita. Alcuni materiali sono più difficili di altri da smaltire, ma il risultato finale giustifica ampiamente l'impegno profuso. Saper amare è una disciplina che pochi al mondo conoscono, capire di essere amati e convincersene, beh è decisamente un'impresa più impegnativa, soprattutto se oltre ad una discarica emozionale avete un cinema multisala tra le sinapsi. E nonostante la mia psiche faccia di tutto per convincersi del contrario, riesco ad essere felice, tra le mie ricariche vitali.


5 commenti:

Sbrizz ha detto...

ma vvvaaaa! il cato innamoratooo!!!XD
hihihi!
tanti baci a te alla tua bella e molti di più a quella figona della Cloe!

:******

Teo Cato ha detto...

:") e in foto non si vede abbastanza quanto è bella!

Endaica ha detto...

amore... mi comuòvo!
...sembro lo zio fester whahaha!

Hannes Pasqualini ha detto...

vedrai che poi ti passa! hahahahaha!

Teo Cato ha detto...

ma no brüto!!! povera sbrizza! cosa dovrebbe pensare eh!? :D
Dai che almeno non stresso più te per imparare le cose!!!